ORNELLA CASAZZA / Lunedì 26 marzo 2012 ore 21,00
“La vita della Madonna nell'arte"

Storica dell’arte presso la Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici di Firenze, dove dirige il dipartimento per lo Studio e l’Applicazione di Tecnologie Avanzate.
Ha diretto lavori di restauro degli affreschi di Masaccio, Masolino e F. Lippi nella Cappella Brancacci della Chiesa del Carmine di Firenze. Dirige corsi di restauro presso l’Università Internazionale dell’Arte di Firenze, ed è docente di Teoria e tecnica del restauro presso l’Università di Pisa.


La dott.ssa Ornella Casazza è stata restauratrice de “La Primavera del Botticelli”,  direttrice del restauro di opere del Masaccio, Masolino e Filippino Lippi,
direttrice del Museo degli Argenti di Palazzo Pitti in Firenze e nel quale
nel giugno 2010 ha invitato Banci Gioielli ad entrare nella collezione permanente.
La dott.ssa Ornella Casazza, dal 2004 al 2010 è stata direttrice  del Museo degli Argenti e delle Porcellane di Palazzo Pitti a Firenze e già nel 2000 aveva avuto l’incarico di Vice Direttrice di questo importante Museo della Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino.

Dal 1969 al 1983 ha operato, in qualità di restauratrice, su dipinti come il  Crocifisso di Cimabue e La Primavera di Botticelli, nei laboratori dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze alla Fortezza da Basso. Sempre presso l’Opificio delle Pietre Dure ha svolto l’incarico di docente nella Scuola di Restauro dal 1978 al 1983. Nel 1981 ha codificato nuovi interventi di restauro nel volume Il restauro Pittorico nell’unità di metodologia.
Dal 1984 al 1990 ha diretto i lavori di restauro degli affreschi di Masaccio, Masolino e Filippino Lippi nella Cappella Brancacci della chiesa di S. Maria del Carmine a Firenze; a lei si deve la conseguente divulgazione e pubblicazione degli eccezionali ritrovamenti e risultati raggiunti nel corso dei restauri nel volume edito da Electa La Cappella Brancacci. Frutto della sua intensa attività di storica dell’arte è stata  la pubblicazione di importanti studi, soprattutto sulla conservazione e sull’iconografia; esemplari in questo senso i regesti filologici nel volume La madonna nell’Arte e quelli storico-critici nel volume sulla Grafica nella Cappella Brancacci.
E’ stata docente all’Università di Firenze, Pisa e Parma ed anche all’estero presso l’Ecole de Paris del Louvre nel 1982 e presso la Facoltà del Paul Getty Museum nel 1984-85.

E’ coordinatrice dei corsi di restauro dell’Università Internazionale dell’Arte di Firenze.
Ha partecipato ai lavori di importanti commissioni scientifiche come  quella per la redazione del Trattato Tecniche di restauro, Edizioni UTET, vol. 7 e la Commissione di lavoro per l’elaborazione dei piani di fattibilità all’interno del progetto “ Nuovi Uffizi”.
Dal 1988 al 2001 è stata funzionario competente per il territorio della Valdinievole in Toscana. Nel 1992 ha ricevuto dal Soprintendente prof. Antonio Paolucci l’incarico di costituire e dirigere il Dipartimento di Tecnologia Avanzate (D.T.A.) della Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino.
E’ stata curatrice scientifica di convegni ed importanti mostre, fra le quali: nel 2005 Mythologica et Erotica. Arte e cultura dall’antichità al XVIII secolo; nel 2009 Memorie dell’antico nell’arte del Novecento, che hanno ricevuto importanti apprezzamenti da parte del pubblico e della critica ed hanno avuto una vasta risonanza anche in campo internazionale; nel 2010  la prestigiosa esposizione Pregio e Bellezza. Cammei e intagli dei Medici  sulla collezione glittica medicea. Sotto la sua direzione, nel 2007, è stata inaugurata al Museo degli Argenti di Palazzo Pitti una nuova ed importante sezione dedicata al gioiello contemporaneo di artisti orafi italiani e stranieri.